Hai un negozio di arredo? >

CHIEDI IL MATERIALE
PROMOZIONALE

chiudi la form

Inviaci i tuoi dati e
segnalaci le tue preferenze.


Ti contatteremo per un preventivo personalizzato
sulle tue esigenze.

Un esempio!!
Il file in alta risoluzione per la stampa
della locandina può essere personalizzato con il logo
del tuo punto di vendita e adattato alle misure
a te necessarie, a soli 70 euro.

VORREI PERSONALIZZARE:

* campi obbligatori

VUOI INVIARCI IL TUO LOGO IN ALTA RISOLUZIONE?


Tutto quello che dovete sapere per usufruire del bonus mobili 19 settembre 2013 Ammontare dell’agevolazione “Bonus Mobili”
Detrazione fiscale del 50% della spesa per l’acquisto di mobili, ecc. (vedi dopo esempi beni agevolabili) fino ad un massimo di spesa di 10.000 euro.

Chi può utilizzare il Bonus Mobili
Contribuenti che fruiscono della detrazione fiscale per interventi di recupero edilizio.
La prima novità positiva introdotta dalla circolare esplicativa dell’Agenzia delle Entrate è che al contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari il beneficio spetta più volte, cioè per ogni immobile ristrutturato è ammessa una spesa per mobili fino a 10.000 euro.

Quali interventi sugli immobili permettono di accedere al bonus mobili (*)

La premessa di fondo è che per accedere al Bonus Mobili è necessario un intervento edilizio (opere murarie e interventi strutturali):


(*) purtroppo restano escluse le altre tipologie d'intervento non compreso nell'elenco sopra citato; ad esempio l'installazione dell'antifurto o di una porta blindata.

In quale periodo occorre avere effettuato i pagamenti per gli interventi sugli immobili
Dal 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2013.

Quindi l'Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la validità della richiesta di FederlegnoArredo di estendere il beneficio anche ad interventi già conclusi prima dell'entrata in vigore del decreto (6 giugno 2013).
La data di inizio lavori di tali interventi deve essere anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili ma non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo.

In quale periodo occorre aver effettuato i pagamenti per l'acquisto di mobili, etc.
Dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013.
Beni agevolabili (*)

(*) Purtroppo non è stata parimenti riconosciuta l'ammissibilità al beneficio per porte, parquet, tende, tendaggi e complementi d'arredo. Sono esclusi anche mobili usati e di antiquariato.

Modalità di pagamento
Bonifico “parlante” e anche Carta di credito e di Debito (es. Bancomat). Non danno diritto all’agevolazione pagamenti con assegni o contanti.



Scarica il documento